“Se non uccide, fortifica”: sviluppare la “resilienza” per trarre vantaggio dalle situazioni avverse

francescasacca

“Se non uccide, fortifica”: sviluppare la “resilienza” per trarre vantaggio dalle situazioni avverseultima modifica: 2009-10-27T15:08:00+01:00da francesca.sacca
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Psicologo in famiglia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a “Se non uccide, fortifica”: sviluppare la “resilienza” per trarre vantaggio dalle situazioni avverse

Lascia un commento