Ho 50 anni e voglio diventare mamma…riflessioni sulla maternità over 50

A cura della Dott.ssa Francesca Saccà

Assistenza tecnica video Dott. Stefano Naldini

 

Nel video l’intervento della Dott.ssa Saccà all’interno della trasmissione “Le Amiche del Sabato”, Rai 1, puntata del 11/12/2010

 

 

 

Nonostante la menopausa sono sempre di più le italiane che diventano mamme superata la soglia della mezza età: nel 2008 sono state ben 197.

I numeri sono ancora piccoli ma il fenomeno è certamente in aumento. Non è un caso isolato dunque quello della cantante Gianna Nannini, diventata mamma per la prima volta a 54 anni, il 26 novembre scorso, di Penelope. La notizia che Gianna Nannini era incinta a 54 anni ha scatenato un turbinio di commenti, molti  dei quali scandalizzati perché la cantante, oltre tutto, è anche single.

Diventare madri a 50 anni e oltre. Perché alcune donne fanno questa scelta? Cerchiamo di approfondire meglio questo delicato tema.

Sempre più spesso oggi il momento biologico giusto per procreare non coincide con quello sociale. La donna impiega molto tempo a cercare la sua identità e la sua affermazione sul piano affettivo e professionale e questo porta sempre più donne a forzare l’orologio biologico per soddisfare il desiderio di maternità.

Ma teniamo conto che si sovrappongono fenomeni diversi: un conto è l’elevarsi dell’ età media per la prima maternità, che ormai supera i 30 anni, un altro è la decisione di diventare madre sfidando le naturali leggi del corpo e della natura.

Ci sono delle differenze nel divenire mamma a 30 o a 50 anni? Assolutamente si! Dai 30 ai 50 anni cambia il proprio corpo, la propria realtà psicologica, ci troviamo di fronte e stanchezze e paure tipiche dell’età. In vecchiaia possono aumentare i disturbi d’ansia o depressivi e dunque potremmo trovarci di fronte a genitori ansiosi che per paura sono troppo protettivi con i figli. O all’opposto potremmo trovarci di fronte a genitori che responsabilizzano precocemente i figli facendoli crescere come “piccoli adulti”.

E’ dunque una scelta giusta o sbagliata? Non possiamo dare una risposta precisa. Dipende. Dipende dalla situazione e dalle persone. Dipende da come questa scelta matura e viene portata avanti. Dipende dalle condizioni economiche e dalla rete sociale che circonda la madre.

Spesso si parla di scelta ‘egoistica’ ma prima di parlare di egoismo dovremmo vedere come la mamma ha maturato questa decisione, quello che c’è dietro. Stiamo attenti a non generalizzare, ogni storia è a sé e ci racconta qualcosa: ci sono donne, reduci da tentativi durati anni e costati fallimenti, che finalmente raggiungono l’obiettivo e altre che, avvertendo il ticchettare dell’ orologio biologico, provano all’improvviso un desiderio per il quale spesso non sono preparate e questo potrebbe avere delle pesanti conseguenze sul benessere psicologico dei figli.

E’ poi anche molto importante l’atteggiamento dell’uomo che la donna ha accanto. Sostenersi reciprocamente in questa scelta coraggiosa è un elemento prezioso per il benessere della coppia che non deve mai essere trascurata. Anche nel delicato e difficile momento in cui il figlio non arriva è fondamentale ricordarsi di essere in due evitando di concentrarsi ossessivamente su un desiderio e trascurare tutto quello che c’è intorno.

Se essere mamme over 50 diventerà una tendenza futura sarà molto importante informare le persone anche sugli svantaggi – fisici e psicologici – che può procurare una maternità a 50 anni che richiede estrema cautela, deve essere seguita attentamente sia nella fase del concepimento sia durante la gravidanza. Sarà fondamentale parlare anche della fatica, delle difficoltà della maternità senza dare solo immagini idilliache.

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ho 50 anni e voglio diventare mamma…riflessioni sulla maternità over 50

  1. Monica Quadraroli Repetto scrive:

    Sono emotivamente d’accordo con Lei Dottoressa. Apprendo però ogni giorno di più, come tante persone siano intente esclusivamente al raggiungimento, quasi fobico del godimento e soddisfacimento personale.
    E le donne stanno eguagliando l’egoismo maschile……
    Le auguro un sereno 2011 e un ringraziamento per aver creato uno spazio di comunicazione come questo.
    Al prossimo appuntamento,Monica Quadraroli Repetto

Lascia un Commento